Un verbo imperfetto

Imbruniva. Alice sedeva su uno scoglio, braccia intorno alle ginocchia e sguardo lontano dove il mare solletica il cielo.
Beveva le luci del crepuscolo, cullata dal ritmo regolare delle onde che s’infrangevano a riva, ebbra del sapore salmastro tutt’intorno.
Una vocina dispettosa e irriverente la scosse: “ Lo sai che tutto questo non basta.. non può riempirti l’anima… Cosa ti rattrista?” “Il senso del verbo rimanere… non si può declinare all’infinito” bisbigliò “nessuno rimane per sempre”

Dedicata a te

Tu sei la copertina preziosa del libro della mia vita.

L’accarezzo con delicatezza e, con malcelata tristezza, sfoglio le pagine senza un ordine preciso.

Ricordi antichi e recenti, alcuni indelebili, altri sfocati dalla malinconia che ne sfuma i contorni.

Mi mancano le nostre conversazioni, le tue telefonate mattutine, la tua energia, il tuo sorriso, il tuo instancabile prodigarsi per tutti.

Mi tieni ancora per mano nei miei sogni… mamma.

(altro…)

Il dolore perfetto

Tra le mani il libro di Ugo Ricciarelli che sfoglio convulsamente cercando tra le righe una risposta alla mia domanda.

Qual’è il dolore perfetto?

È quello che ti blocca lo stomaco e il cuore e ti impedisce di respirare, ti pietrifica così tanto da non riuscire a piangere ?

Quello che ti sbriciola in mille pezzi al solo pensiero di perdere una persona che ami tanto tanto da sentire già la sua mancanza?

È il moto perpetuo della vita che nella sua corsa ti dà e ti toglie… Io ho sempre odiato le sottrazioni perché sono mancanze che bruciano sotto la pelle.

Post-it

Annota i momenti più belli in un diario, spargi post-it ovunque: nei libri, nei cassetti, sullo specchio del bagno…

Rendili indelebili in un angolo del cuore.

Attingi ad essi quando pensieri tristi ti martellano le tempie.

Sono come una calda e morbida coperta sotto cui rannicchiarsi nell’inverno gelido.

Resiliency

A small daisy grows lonely in a field in advanced autumn, challenging nature. A sudden wind forces her to a decomposing dance and a violent storm throws up a huge amount of water on her.

But she fearlessly stands straight on the little stem showing gracefully her crown of petals.

She waits, stubborn, a ray of sunshine. Resiliency, I imagine it.. this way.